CORSI CAD

CORSI CAD A MILANO E LOMBARDIA – AutoCAD, MAP, Inventor, Fusion 360, Revit,3ds Max, Alias, Maya, RasterDesign: corsi e formazione per i professionisti

Articoli per la categoria ‘Software’

pCon Planner e il render in AutoCAD e SketchUP

Scritto da matteo.trasi On Gennaio - 13 - 2021
Render da AutoCAD e Sketchup - pCon

Il logo di pCon, software fantastico e gratuito per i Render

pCon Planner ci è davvero piaciuto, per i render che è in grado di generare in modo così semplice e, tutto sommato, veloce. E il bello è che legge i file di SketchUP e lavora direttamente sui DWG di AutoCAD! Ci siamo imbattuti quasi per caso in questo fantastico software gratuito, e abbiamo scoperto quanto pCon Planner possa essere utile a chi lavora in AutoCAD (di cui potete scaricare qui la versione di prova) o in SketchUP. E non dimentichiamo che ad oggi si può ancora scaricare una versione desktop gratuita di SketchUp (Make 2017) facendo il login su Trimble, quindi con pCon possiamo avere a disposizione il modellatore e il render gratuitamente!
pCon Planner è utile anche per utenti di altri CAD, perché è in grado di esportare i propri progetti in tantissimi formati, e lavora direttamente sui DWG 3D (oltre che 2D). Oltre al formato di AutoCAD abbiamo a disposizione molti altri importanti formati per importare ed esportare, come .skp di SketchUp, .3ds, .fbx e .dae. Possiamo quindi utilizzare pCon come un “coltello svizzero” per trasformare il nostro progetto dal modellatore preferito ai  formati più diffusi!

Ma andiamo con ordine…

Scaricare pCon

pCon Planner si può scaricare dal sito ufficiale e si presenta in due versioni: una gratuita (pCon STD) per gli utenti “finali” e i professionisti che progettano spazi, l’altra a pagamento (pCon PRO), non scaricabile, e destinata ai fabbricanti che vogliono implementare il processo di vendita dei propri prodotti. I fabbricanti che producono arredi, complementi d’arredo e accessori possono infatti pubblicare i loro oggetti 3D in cataloghi direttamente accessibili dagli utenti in pCon STD, grazie all’icona disponibile accanto a quella del Warehouse di Trimble… avete letto bene, si possono scaricare i modelli anche dalle famose raccolte di SketchUP! I Produttori possono rendere disponibili oggetti parametrici e con dati sul loro prodotto, per poi ricavare dai progetti dei professionisti e degli utenti le distinte degli ordini.

Dowanload software per render AutoCAD e render Sketchup

La home page di pCon e il suo download

Ma quindi cosa c’è per noi utenti? Immaginate quanto sarà facile realizzare un progetto di arredo con bellissimi render inserendo arredi “veri” e acquistabili, oltre a oggettistica varia presa dall’universo SketchUP. Voi direte: ma esiste un plugin anche in AutoCAD per importare i file skp, e siamo d’accordo. Ma non ne esiste uno per esportare (e per “parlare” con gli utenti di SketchUP free), mentre con pCon si può.

Dal punto di vista delle limitazioni di pCon STD, c’è una decisa carenza delle funzioni per la stampa tecnica (2D) dai layout: esiste un solo layout e poco configurabile. In realtà sperimentando abbiamo scoperto che si può utilizzare un cartiglio personalizzato creato in AutoCAD, a patto di non intimorirsi se si devono modificare alcuni file nelle cartelle di pCon, ma è “roba da smanettoni” e non è accessibile in modo immediato. Nella versione STD, inoltre, non si possono creare modelli 3D di arredo parametrici o con dati di catalogo (attributi) all’interno di pCon STD.

In compenso abbiamo strumenti potenti e parametrici per la creazione di muri, porte, finestre, aperture, soffitti, pavimenti e tetti, che lo fanno somigliare più a un CAD per l’architettura come ArchiCAD o AutoCAD Architecture che ad AutoCAD. Intendiamoci, senza strumenti sofisticati di personalizzazione presenti in quei software, ma col vantaggio di offrire comandi molto semplici anche da imparare. Soprattutto non ci sono limitazioni sul render, e sulle immagini, video e panorami che si possono creare ed esportare, ed il tutto è semplicissimo e dà risultati fantastici.

 

Perchè usarlo

Mi aspetto da voi, a questo punto, una domanda: ma perchè utilizzare pCon per i render, se AutoCAD ha già il suo modulo per realizzarli? E anche chi usa SketchUp, in fondo, ha già molti renderizzatori anche gratuiti, come Twilight Render, LuxCoreRender e molti altri come Kerkythea, Yafaray, per non parlare di quelli più professionali e con costi limitati, come V-Ray (su cui teniamo anche i corsi, ovviamente).

AutoCAD, perchè no?

Il motore di render di AutoCAD, è ormai quasi inutilizzabile nelle nuove versioni: spesso il render si blocca senza dare segni di vita. Il fatto che sia lento sarebbe davvero il minore dei problemi, se almeno funzionasse in modo affidabile. Non possiamo permetterci di dover consegnare una foto, avviare il render la sera, vederlo partire, e la mattina scoprire che non ha funzionato e si è bloccato tutto. Purtroppo a noi questo accade molto spesso.

Ma allora, se fosse possibile creare i modelli nel nostro amato AutoCAD, e poi aprire il modello 3D, con i suoi materiali impostati, direttamente in un programma gratuito, per fare il render? Ecco, questo programma può proprio essere pCon Planner, che ha anche un’ampia libreria accessibile di materiali e oggetti 3D per migliorare rapidamente lo “scheletro” creato in AutoCAD? Ecco, magari pCon non è perfetto, ma sicuramente è più stabile di AutoCAD e molto versatile e veloce se guardiamo esclusivamente il render, le luci, i materiali. Certo non può sostituire AutoCAD nel disegno tecnico, o nella modellazione 3D libera, però fa molto bene nel suo ambito: il render e una modellazione rapida e schematica dell’architettonico.

PCon, cos’ha in più per il render?

E va bene, per la modellazione e il disegno AutoCAD è più potente, ma avete mai provato a creare un filmato con AutoCAD? Se sì, sapete che non funziona! La funzionalità c’è (anche se hanno nascosto i pulsanti per accedere al comando ANIMAPERC)  ma si può dire che non funziona! Vi trovereste facilmente un filmato wmv con fotogrammi a 256 colori, malgrado i tempi biblici necessari!
pCon crea i filmati in tempi molto più accettabili, in un formato e con qualità decisamente incomparabile a quanto ottenibile in AutoCAD. Questo anche grazie all’ottima “rimozione del rumore” nell’immagine renderizzata, formidabile anche nel render statico, che quando crei i fotogrammi permette di abbattere i tempi.

Lo stesso discorso vale per SketchUP: qui in più pCon ha la capacità di creare dei veri render, che in SketchUP mancano. Infatti la grafica sarebbe di tipo “schizzo” (se no perché chiamarlo SketchUP?), del resto nel caso di SketchUP non c’è un motore di render preinstallato.

Vediamo qualche esempio di immagini create con pCon da un modello DWG di AutoCAD e da SketchUP, perché le immagini parlano meglio di mille parole!

Vantaggi

  1. Prezzo: Gratuito – e nel caso di SketchUP permette qualcosa che manca: il render gratuito
  2. Importa/Apre: immagini, DWG/DXF/DWT, pCon .pec, 3d Studio (solo 3ds), collada .dae, Autodesk FBX, GL Transformation (.glb, gltf), IFC, Alias .obj, PDF, ACIS SAT, SketchUP, STL, OFML (.env e .fml), EULUMDAT, IES.
  3. Esporta/Salva: DWG/DXF/DWT, pCon .pec, 3d Studio (solo 3ds), collada .dae, Autodesk FBX,GL Transformation (.glb, gltf), IFC, Alias .obj,  SketchUP, USDZ Apple
  4. Renderizza/produce: immagini renderizzate anche HDR, video, panorami 3D, viste AR interattive, immagini vettoriali, stampa di una tavola (tipo layout di AutoCAD) o di un PDF. Permette anche di condividere su Web ambienti navigabili.
  5. Accesso facile a: materiali generici sul web, oggetti di arredo dei produttori, materiali dei produttori, Trimble Warehouse, esempi
  6. Render ottimizzato: utilizza il motore di render Osray (rimane provvisoriamente disponibile il vecchio motore Yafaray, ma presto lo toglieranno) . Non abbiamo trovato documentazione ma possiamo dire che è molto più veloce di Twilight e anche, ci sembra, di V-Ray. Sicuramente è molto più rapido di quello di AutoCAD. Inoltre, anche dopo pochi minuti di render progressivo, quando ancora si vedono molti “puntini”, interrompendo si attiva un motore di denoising dai risultati straordinari.
  7. Materiali semplici da impostare: è un vantaggio e uno svantaggio, infatti possiamo regolare la texture, il bump e le normali, e pochi altri parametri base. Semplice da usare ma non permette di creare materiali troppo avanzati.
  8. Facile modellazione architettonica: Muri, porte, finestre e altri elementi si creano e modificano in modo parametrico molto veloce (molto meglio di AutoCAD, ma non a livello di Revit o AutoCAD Architecture). Ha anche qualche strumento di modellazione libera (cubi, sfere, cilindri, coni, polilinee, estrusioni, sweep/seguimi, unisci, sottrai, interseca, trancia).

Svantaggi

  1. Flusso di lavoro: per usare i nostri modelli creati da altri software dobbiamo importarli/aprirli. A parte il formato DWG, che ci permette di modificare a posteriori le geometrie anche in AutoCAD, salvando da pCon, negli altri casi non abbiamo la possibilità di aggiornare il modello in pCon ma possiamo solo reimportarlo. Questo significa che se dobbiamo modificare un modello di SketchUP, per esempio variare qualche misura nel modello originale, che magri ci serve anche per altri scopi, dovremo poi reimportarlo, perdendo il lavoro precedentemente fatto in pCon per quanto riguarda luci, materiali, telecamere, impostazioni di render, oggetti aggiuntivi.
  2. Render che sfrutta il processore: se hai una GPU potentissima e costosa qui ti serve a poco. Rimane comunque lontano da software che eseguono render quasi in tempo reale, come Lumion, TwinMotion, Unity. Nulla di simile, qui. Si tratta di render “tradizionali” che richiedono comunque tempi lunghi, rispetto a queste nuove generazioni di software più vicine alla realtà aumentata o virtuale.
  3. Modellazione libera non potente: come già detto non ha gli strumenti di un AutoCAD o di un Inventor, ma neppure la libertà di movimento di SketchUP. Per cose semplici come un appartamento non troppo stravagante, però, se la cava egregiamente.
  4. 2D quasi inesistente: peccato che dopo aver modellato muri porte e finestre non si riescano ad ottenere tavole con sezioni e alzati da stampare in modo professionale!
  5. Comandi di modifica molto elementari: se da un lato sono facilissimi da imparare, a volte servirebbe qualcosa di più. Ma tutto sommato si lavora bene anche con questi limiti. La cosa più fastidiosa è che basta cliccare un oggetto per agganciarlo al mouse, il che causa continui spostamenti involontari di oggetti senza aver dato nessun comando.

 

Di seguito alcuni semplici render. Si tratta di esempi generati con Lumion e creati molto rapidamente da modelli AutoCAD 3D e da modelli SketchUp.

Cos’è Lumion

Lumion è un software ottimizzato per sfruttare le schede grafiche potenti dei computer moderni a per creare rapidamente render e filmati. Questo software crea quindi render ma non dispone internamente di un modellatore 3D vero e proprio: i modelli 3D devono essere importati da altri software. Bisogna dire che però Lumion mette a disposizione moltissimi oggetti già fatti (arredi, piante, fiori, persone animate, oggetti per gli esterni e gli interni architettonici) per completare il progetto importato. Inoltre ha un potente e semplice modellatore di paesaggi, effetti di acqua fantastici e molto altro.

Come si lavora con Lumion

Importando un modello 3D da Revit, AutoCAD, SketchUp o altri software di modellazione 3D, si possono poi applicare materiali e luci aggiuntive per un miglior effetto realistico, creare un paesaggio di contorno, e quindi generare render con immagini, filmati, panoramiche 3D in pochi minuti, La qualità dei render ha poco margine di miglioramento, è determinata da algoritmi abbastanza rigidi legati al modo in cui le schede grafiche possono simulare la realtà: anche se in genere i suoi render sono abbastanza belli, non si riescono a raggiungere i perfezionismi ottenibili con altri renderizzatori avanzati come per esempio V-Ray. D’altra parte Lumion genera i suoi render con una rapidità inarrivabile per V-Ray.

Ora lasciamo la parola alle immagini!

 

 

Impostare Joint in Fusion 360

Scritto da matteo.trasi On Settembre - 7 - 2019

In questi due video un esempio di impostazione di vincoli per la cinematica di un assieme. Autodesk Fusion 360 permette di fissare le regole di assemblaggio (quindi in pratica i vincoli di movimento, anche se in realtà più propriamente i software come Inventor, ad esempio, distinguono i “giunti” dai “vincoli”, ma per quanto ci riguarda possiamo assimilare le due cose).

Il primo video aggiunge i giunti dopo aver fissato a terra (ground) alcuni pezzi e aver reso “gruppo rigido” un assieme che deve risultare saldato internamente.

Aggiungere i Joint in Autodesk Fusion 360

Il secondo video mostra come impostare i “limiti” al movimento dei giunti, per imperdire movimenti “impossibili” incompatibili con la dimensione di alcune asole.

Impostazione dei limiti per i joint di Fusion 360

Importare un STL in Fusion e convertirlo in solido

Scritto da matteo.trasi On Marzo - 12 - 2017

Abbiamo preparato un paio di filmati per suggerire una possibile strada per convertire in solido un STL grazie a Fusion 360. Naturalmente non si tratta di un compito scontato: gli STL sono superfici e nulla garantisce che siano chiuse ed ermetiche, quindi potrebbero proprio non rappresentare dei volumi. Molti tutorial su come convertire gli STL in solidi passano attraverso una preelaborazione in altri software, come Blender, MeshMixer, MeshLAB ed altro. In questo caso si tenta di avere il massimo controllo su ogni passaggio perchè, tra l’altro, l’STL è composto da facce “spigolose” come i triangoli e tipicamente approssima con un alto numero di triangoli le curvature. Con la conversione si drea in genere un solido pesantissimo, non arrotondato e spesso ingestibile nei modellatori più diffusi. La strada proposta in questo tutorial è più “rudimentale” e ha lo scopo di utilizzare un solo software, Autodesk Fusion, per l’operazione.

Sebbene altri metodi potrebbero permettere un controllo più rigoroso della conversione dei triangoli, il vantaggio del metodo proposto è la semplicità e il fatto che una volta importato in Fusion 360 il file STL così modificato e convertito in un “body” può essere utilizzato come un solido 3D subito nel programma, senza dover coinvolgere altri software.

Un secondo videotutorial precisa meglio alcune preelaborazioni disponibili in Fusion 360 per convertire STL in solidi “Body”, con qualche opzione in più per controllare l’accuratezza.

Windows 10 e AutoCAD 2015

Scritto da matteo.trasi On Ottobre - 21 - 2014

Siamo a ottobre e ormai è ufficiale: il nuovo Windows sarà Windows 10.

AutoCAD 2015 in Windows 10 - desktop di Windows

Windows 10 e le icone di AutoCAD 2015 – tutto ok!

Nessuna notizia ufficiale, ancora, sulla compatibilità dei prodotti Autodesk con la nuova versione di Windows. Ma perchè non provare noi stessi senza aspettare? Possiamo perchè Microsoft rilascia la versione “Technical preview” di Windows 10 liberamente scaricabile da qui, e possiamo quindi provarla su un PC reale o magari su una macchina virtuale (con software come VirtualBox  o VMWare Player).

Con Windows 10 si possono provare i prodotti Autodesk e imparare molto

Windows 10 – versione anteprima tecnica

Innanzi tutto Windows 10 segnerà il ritorno del tanto desiderato pulsante Start, eliminato nelle versioni di Windows 8 e Windows 8.1 (vedi questo post). Gli utenti aziendali, infatti, difficilmente accettano di lavorare con uno schermo ottimizzato per i tablet e pensato per eseguire un solo programma per volta. La nuova filosofia di Windows 8 è risultata quindi fallimentare e ha irritato la maggior parte degli utenti aziendali. La scelta di abolire il pulsante Start e soprattutto il relativo menu a favore della schermata Start di Windows, era stata portata avanti senza ascoltare i suggerimenti degli utenti, e ha generato un vero e proprio calo di popolarità di Windows, proprio dopo che Windows 7 aveva fatto dimenticare gli insuccessi di Vista (ormai dimenticato al punto che la maggior parte dei software Autodesk neppure lo considera più quanto a compatibilità).

Il nuovo menu di Windows 10 permette di effettuare le ricerche ma ha anche le tile modern ui

Il menu di Windows 10 ha spazio anche per le tile (le mattonelle) sulla destra

Ora ritorna l’approccio “Desktop” con finestre affiancabili, barra delle applicazioni, menu Start. Un totale ritorno al passato dunque? In realtà no: sui tablet verrà proposta l’interfacca Modern UI (quella con la schermata Start) e anche sul desktop non spariscono le “tile”, le mattonelle per richiamare i programmi, spesso animate e cariche di informazioni. Infatti a destra del menu Start vero e proprio convive un estratto della schermata Start di Windows 8, completamente personalizzabile e che all’inizio presenta le news, lo Store, e così via.

Ma veniamo al CAD: abbiamo provato AutoCAD 2015 e sembra funzionare benissimo. In alcune ore di utilizzo non abbiamo rilevato differenze rispetto al funzionamento su Windows 7. La versione testata è quella italiana a 64 bit, e anche se non possiamo dare ufficialità alla cosa, sembra proprio che nulla vada in conflitto fra la nuova versione di Windows e AutoCAD. Anche l’installazione è filata liscia, anche se alcuni componenti di Microsoft hanno necessitato di un download (il tutto comunque è automatico e viene richiesta solo un’autorizzazione per scaricare e installare il componente).

Potremo fruire quindi da subito di tutte le novità del nuovo Windows senza rinunciare al nostro CAD preferito, AutoCAD, e senza doverlo aggiornare a nuove release.

Prossimamente abbiamo intenzione di provare anche altri software come 3ds Max e Revit, o Inventor, ma vi sproniamo a provare in prima persona, perchè questa nuova versione di Windows è, a nostro avviso, destinata a riscuotere un buon successo anche negli uffici e nelle aziende, al contrario di quanto avvenuto con Windows 8 e Windows 8.1!

AutoCAD 2015

Scritto da matteo.trasi On Maggio - 5 - 2014

aggiornamento sul nuovo autocad e sui corsi in aula su Autocad 2015

Elegante e con una nota “Mac OSX” la nuova interfaccia di Autocad è forse la novità più evidente.

Molte sono le novità introdotte da AutoCAD 2015, su cui presto inizieranno i nostri corsi.
Continua a leggere »

Ridimensionare il ribbon di AutoCAD, Revit e Inventor

Scritto da matteo.trasi On Dicembre - 6 - 2013

Le interfacce dei vari programmi Autodesk si basano sul Ribbon

La barra multifunzione di AutoCAD, di Inventor e di Revit

Il Ribbon, anche detto “Barra multifunzione” è l’elemento principale dell’interfaccia di molti software Autodesk per accedere ai comandi CAD. Da quando è stato introdotto, inizialmente sulla falsariga del Ribbon applicato alle interfacce “Fluent” di Microsoft Office 2007-2010 e 2013, ha subito una serie di miglioramenti. Specialmente nel passaggio da AutoCAD 2009 ad AutoCAD 2010, la barra multifunzione è stata ottimizzata moltissimo. Eppure ancora oggi molti utenti lamentano il fatto che sia rimasta “ingombrante”.

Infatti lo spazio occupato in verticale all’interno dello schermo dal Ribbon di AutoCAD, Revit e Inventor, riduce, per forza di cose, lo spazio a disposizione per l’area di progettazione e di disegno vera e propria. Per questo qualcuno prova nostalgia per i vecchi menu. In AutoCAD grazie alle aree di lavoro Autodesk stessa lascia la possibilità di disattivare il ribbon e tornare ai vecchi menù (grazie all’area di lavoro Classica di AutoCAD, da selezionare in questo caso al posto di Disegno e Annotazione). Noi crediamo che sarebbe meglio adeguarsi al modo di lavorare proposto dalla barra multifunzione, sicuramente più moderno ed intuitivo per chi comincia da zero (non per i “veterani”, d’accordo…), ma apprezziamo e riteniamo importante che gli utenti possano scegliere l’interfaccia che trovano più comoda per le proprie esigenze.

Cliccare il pulsante di AutoCAD indicato per ridurre l'ingombro della barra

Il pulsante indicato permette di ridurre l’ingombro del Ribbon

Comunque non tutti sanno che il ribbon si può rendere meno ingombrante grazie al pulsantino che presenta in fondo sulla sua destra. Premendolo ripetutamente si passa a varie modalità “sintetiche” di accesso ai pulsanti e ai vari elementi di interfaccia del ribbon. Per esempio in AutoCAD si può passare dalla visualizzazione completa del Ribbon alla visualizzazione solo di singole icone per ogni pannello, a quella dei soli nomi di schede e pannelli a quella, infine, con i soli nomi delle schede.

Per questo si può cliccare ripetutamente il pulsante indicato nella figura, o sfruttare il corrispondente menù a discesa, sempre disponibile accanto al pulsante.

Le seguenti figure illustrano le tre visualizzazioni sintetiche della barra multifunzione.

Ribbon visualizzazione 1

La vista con i pulsanti, uno per ogni pannello (gruppo) – cliccando si espande il gruppo

 

La vista con solo i titoli. Un clic espande il tutto come se fosse un menù (la scheda) con un sottomenù (il gruppo)

La vista con solo i titoli. Un clic espande il tutto come se fosse un menù (la scheda) con un sottomenù (il gruppo)

 

La vista con solo i nomi delle schede - con un clic si mostrano

La vista con solo i nomi delle schede – con un clic si mostrano

 

Lasciamo a voi tutte le prove del caso, ricordandovi che comunque potrete sempre tornare alla situazione iniziale, con la visualizzazione completa, premendo ripetutamente il pulsantino.

Windows 8.1 da oggi disponibile

Scritto da matteo.trasi On Ottobre - 17 - 2013

Poche le novità di Windows 8.1, ma interessante la stampa 3D

Windows 8.1 è disponibile da oggi in Italia

Da oggi il tanto annunciato Windows 8.1 è disponibile anche in Italia. Per chi ha Windows 8 l’aggiornamento è gratuito e dovrebbe essere automatico (un normale aggiornamento, in pratica), mentre chi da domani acquista Windows in negozio dovrebbe trovare, appunto, la nuova versione. Non cambia sostanzialmente nulla, ma qualche piccola novità la segnaliamo:

  • Pulsante Start: come già descritto in un precedente articolo, il pulsante Start nella barra delle applicazioni è ricomparso, ma non serve quasi a nulla perchè non ricompare il vecchio, amato menù Start. Si viene invece mandati nell’ingombrante Start screen, come quando, dal desktop, si preme il tasto con il logo di Windows sulla tastiera.
  • Supporto alle stampanti 3D: parleremo al più presto di questo argomento in un nuovo post. Si tratta di una novità eccezionale, anche se il formato proprietario dei dati inviati in stampa dovrà superare la prova dei fatti, dimostrando che questo tipo di iniziativa permetta di ampliare le possibilità di stampa 3D, e non di restirngerle a poche marche di costose stampanti. Infatti il bello di questo nuovo settore è che ormai sono disponibili kit o preassemblati di stampanti 3D davvero economiche, per un uso “casalingo” e quindi potenzialmente ad amplissima diffusione. Le stampanti professionali, viceversa, sono molto costose in confronto, e non hanno probabilmente la stessa potenzialità di diffusione, con il rischio paradossalmente di diventare dei “bei giocattoli costosi”, mentre i veri “giocattoli”: infatti le stampanti economiche, assemblate, in kit, opensource, eccetra) avrebbero la potenzialità di aprire la strada a una diffusione massiva che poi trascinerebbe anche i campi professionali evoluti.
  • Miglioramenti grafici alla schermata Start: ora sono disponibili riquadri di dimensioni variabili, anche più piccoli. Inoltre è possibile impostare più liberamente uno sfondo. Più che altro sembra incredibile che non fosse già così in Windows 8…
  • Multitasking: ora si possono mettere fino a quattro finestre contemporaneamente sullo schermo in modalità non-desktop (nella modalità desktop le cose funzionano meglio, lasciandoci come nelle vecchie versioni di Windows prena libertà). Microsoft sottolinea il vantaggio: per esempio potete consultare la posta mentre scrivete un documento in Word e ascoltate della musica…
  • Internet Explorer 11: aggiornamento a questa nuova versione
  • Bing Smart Search: un motore di ricerca interno al PC che consente di trovare qualsiasi elemento sul dispositivo o sul Web in un’unica visualizzazione. Pensato soprattutto per il touch

Insomma, comunque sia chia ha Windows 8 dovrà aggiornarlo a Windows 8.1, ma questa volta non ci sarà il trauma come nel caso Windows 7  > Windows 8, perchè ci sono solo piccoli miglioramenti che, a parte il pulsante Start, difficilmente ci disturberanno.

La compatibilità con AutoCAD e con gli altri CAD di Autodesk non dovrebbe essere influenzata da questo aggiornamento.

Un video di Microsoft mostra la novità della stampa 3D da Windows 8.1

Connettere i dati ad AutoCAD – un nuovo tutorial

Scritto da matteo.trasi On Settembre - 18 - 2013

Ecco un interessante video su come connettere i dati di un database di Access a AutoCAD. In questo video di esempio è mostrata una rapida lezione su come connettere un file MDB di Microsoft Access a un DWG, in Windows 64 bit.

 

 

Questa interessante funzione, ampiamente documentata in AutoCAD MAP, che dispone di strumenti ad hoc per attuarla, è assolutamente disponibile anche su AutoCAD, solo che la maggior parte delle persone non lo sa. Infatti, al fatto che non sia una funzione molto reclamizzata di AutoCAD si aggiunge il problema che nella nuova moderna interfaccia della barra multifunzione (Ribbon) non c’è più il pulsante per accedere alla funzionalità, che deve quindi essere richiamata da tastiera. Un vero peccato, dato che questa funzione potrebbe essere utilissima in alcuni settori. Questo video introduce le basi sulle fonti dati di AutoCAD, con un esempio di collegamento ad un file mdb di Access, e le impostazioni da attuare in AutoCAD per connettere oggetti del disegno DWG a record del database.

Windows 8.1, sempre meno desktop

Scritto da matteo.trasi On Giugno - 13 - 2013

Sempre meno attenzione al desktop da parte di Microsoft.

il pulsante Start spinge verso la nuova schermata Start, e non ripristina la funzione classica

In Modern UI sarà più difficile lavorare con il CAD? Dovrà integrarsi nella nuova interfaccia Modern?

A quanto pare ci sarà un pulsante Start sul desktop di Windows 8.1, ma non è quello che quasi tutti chiedevano: servirà infatti a spostarci nella schermata Start (quella con i tasselli e la nuova interfaccia Modern), implementando così la funzione opposta a quella richiesta da gran voce dagli utenti, che per lo più chiedono di poter disattivare la nuova schermata a favore della “obsoleta” interfaccia desktop.

In più il nuovo pulsante Start potrebbe impedire ai software di terze parti di “ripristinare” il classico pulsante Start, dal momento che occuperà la posizione in cui si trovava il vecchio pulsante. Infatti da quando è uscito Windows 8 molti avevano installato software come Classic shell o ViStart, che fanno comparire un pulsante “fittizio” che emula le funzionalità del tanto mancante vecchio pulsante di Windows 7. Con questa mossa probabilmente Microsoft metterà fuori gioco questo tipo di soluzione e spingerà ancor più la sua nuova interfaccia.

Aspettiamoci quindi che anche Autodesk prima o poi modifichi le interfacce dei suoi software per adeguarle all’interfaccia Modern di Windows: sarà un’impresa enorme, basti pensare alle tavolozze di AutoCAD (tavolozza delle proprietà, tavolozza degli strumenti, tavolozza dei layer, Design Center, ecc. ecc) che paiono del tutto incompatibili con la logica di Modern UI, con grossi pulsanti che rendono il nostro schermo simile al visore di un cellulare… Sembra inevitabile e magari, se ben fatto, ci abitueremo come per il Ribbon (barra multifunzione), che alla fine è diventato sempre più comodo, dopo le incertezze in AutoCAD 2009.