CORSI CAD

CORSI CAD A MILANO E LOMBARDIA – AutoCAD, MAP, Inventor, Fusion 360, Revit,3ds Max, Alias, Maya, RasterDesign: corsi e formazione per i professionisti

Importare un STL in Fusion e convertirlo in solido

Scritto da matteo.trasi On Marzo - 12 - 2017

Abbiamo preparato un paio di filmati per suggerire una possibile strada per convertire in solido un STL grazie a Fusion 360. Naturalmente non si tratta di un compito scontato: gli STL sono superfici e nulla garantisce che siano chiuse ed ermetiche, quindi potrebbero proprio non rappresentare dei volumi. Molti tutorial su come convertire gli STL in solidi passano attraverso una preelaborazione in altri software, come Blender, MeshMixer, MeshLAB ed altro. In questo caso si tenta di avere il massimo controllo su ogni passaggio perchè, tra l’altro, l’STL è composto da facce “spigolose” come i triangoli e tipicamente approssima con un alto numero di triangoli le curvature. Con la conversione si drea in genere un solido pesantissimo, non arrotondato e spesso ingestibile nei modellatori più diffusi. La strada proposta in questo tutorial è più “rudimentale” e ha lo scopo di utilizzare un solo software, Autodesk Fusion, per l’operazione.

Sebbene altri metodi potrebbero permettere un controllo più rigoroso della conversione dei triangoli, il vantaggio del metodo proposto è la semplicità e il fatto che una volta importato in Fusion 360 il file STL così modificato e convertito in un “body” può essere utilizzato come un solido 3D subito nel programma, senza dover coinvolgere altri software.

Un secondo videotutorial precisa meglio alcune preelaborazioni disponibili in Fusion 360 per convertire STL in solidi “Body”, con qualche opzione in più per controllare l’accuratezza.

Corsi di BIM

Scritto da matteo.trasi On Giugno - 30 - 2016

Il BIM è oggi uno strumento fondamentale per chi progetta in architettura, e imparare a lavorarci con un corso dedicato al BIM può essere davvero importante per architetti, ingegneri e impiantisti. Il nostro corso sul BIM si basa su Revit, il software più moderno e all’avanguardia del settore. La progettazione BIM con Autodesk Revit è diventata una prassi, ormai, in Europa, e anche l’Italia si sta adeguando.

La progettazione BIM è il futuro dell'architettura per gli edifici pubblici

BIM e architettura

Oggi più che mai la formazione su Revit è importante per poter fruire appineo di questo strumento software. Senza un corso si rischia di usare questo prodotto di Autodesk come un software di progettazione CAD 3D, non cogliendo affatto la piena potenzialità del programma. Infatti molti ci hanno chiesto ancora se ci sono grosse differenze, per esempio fra Archicad e Revit, facendo riferimento ai risultati ottenibili nei render o nella creazione di modelli 3D, non cogliendo affatto il punto della questione. Chi ha seguito il corso, dopo aver applicato in pratica il metodo di lavoro durante le lezioni, guidato dal docente, esce invece finalmente dall’aula con le idee mille volte più chiare. Nel nostro corso sul BIM con Revit si apprende, lezione per lezione, il giusto approccio a questa tecnologia, dove il render, le viste 3D, le planimetrie, gli abachi, devono essere semplicemente intesi come effetti “collaterali” e automatici della giusta progettazione BIM, che è unitaria e produce appunto tutti questi aspetti.

un solo progetto BIM, tante visualizzazioni delle informazioni

Progettazione BIM unica per tutti gli aspetti tecnici

Ci si stacca quindi dal semplice concetto di progettazione 3D, per entrare pienamente nel Building Information Modeling, il BIM, apprendendo direttamente in aula la giusta logica da applicare.

Corsi-CAD offre una grande opportunità a chi vuole imparare il BIM: applicarlo tramite Revit, il programma più potente e moderno, e all’avanguardia nel settore. Se decidete di imparare questa modalità progettuale per l’architettura, lasciate perdere i software 3D architettonici che poco hanno di BIM e tanto di semplice 3D, e investite sulla vostra crescita con una formazione su un vero BIM come Revit. Non fraintendeteci: non abbiamo urgenza di “vendervi” un corso. I nostri corsi di Revit sono ormai da un anno strapieni (nei limiti del possibile, dato che limitiamo a 12 o 14 il numero di partecipanti a seconda anche delle aule, ma soprattutto per non degradare la qualità delle lezioni Revit/BIM). Se anche decidete di andare altrove, sinceramente vi consigliamo di imparare Revit, innanzitutto, perchè è proiettato verso il futuro e non è solo un aggiornamento di software “vecchi” che lavorano in 3D ma esistevano già prima che si parlasse di BIM.

Architettura e ingegneria con il BIM

Progettare in modo moderno

Poi, dopo, se volete, va benissimo imparare anche AutoCAD Architecture, Archicad, Allplan, Sketchup o altro. Tutto ottimi software. Ma il consiglio è di investire prima sul vostro futuro!

Quale PC comprare per il CAD

Scritto da matteo.trasi On Aprile - 22 - 2014

Avendo ricevuto molte richieste su questo argomento, abbiamo pensato di fornire qualche suggerimento a chi deve attrezzarsi con un computer per utilizzare il CAD. Ci concentriamo sulle soluzioni CAD più gettonate di Autodesk, come AutoCAD, Revit, Inventor, 3Ds Max, Maya, su cui organizziamo anche i corsi, perchè su queste abbiamo una certa esperienza. Sono ovviamente molto graditi i vostri contributi su questo argomento, e la vostra esperienza (tramite i commenti in basso).

Come assemblare la workstatuion CAD ideale

Workstation per il render e il CAD

Innanzi tutto: cosa serve per riuscire a far qualcosa con un CAD, e cosa serve per ottenere il TOP? Le due esigenze sono del tutto diverse: se devi fare planimetrie e schemi con AutoCAD, probabilmente qualunque PC va bene, con Windows. Escluderei soltanto i tablet e i netbook con processore Atom, che rischiano di essere troppo lenti per fornire un’esperienza decente di utilizzo. Personalmente, comunque, ho lavorato su un EEEPC con 2Gb di RAM e AutoCAD 2010 e nel 2D sono riuscito a fare quel che dovevo, anche se mi toccava attendere tempi infiniti per l’avvio del PC e di AutoCAD e ogni tanto dovevo aspettarlo mentre pensava. Non lo consiglierei di certo, ma sul 2D vi assicuro che è possibile, con fatica, anche utilizzare un netbook come quello. Detto questo, per il 2D come minimo consiglierei un computer con processore moderno (i3,i5,i7 o AMD di ultima o penultima generazione) e una buona dose di memoria (4Gb RAM). Poi sarebbe assolutamente meglio una scheda grafica non integrata nel processore, quindi AMD o NVidia.

Per il 3D c’è qualche pretesa in più, che comunque dipende dal software in uso. Per esempio, con Revit abbiamo notato meno criticità, sula dotazione della scheda grafica, rispetto a quanto accade con AutoCAD. Sembra che Revit non sia così avido di potenza grafica come AutoCAD.. Comunque anche qui c’è molta differenza fra “riuscire a lavorare” e avere a disposizione una workstation ottimizzata per il 3D e il Render, soprattutto.

Quando si parla, per esempio, di render, diventa importante l’efficienza del processore: per esempio l’ottimo sarebbe uno XEON con 8 core e 16 thread (i compiti che gli 8 processori possono svolgere contemporaneamente), ma sono molto buoni anche processori più economici, di Intel, con 4 core e 8 thread. Quando, per esempio, eseguite un render con Mental Ray (il motore di render di default presente in AutoCAD, Revit, Inventor) ogni thread contribuisce a calcolare l’immagine finale, e si può dire che la velocità di calcolo è proporzionale alla velocità del processore e quasi proporzionale al numero dei thread.

Xeon 8 core o Xeon 6 core per un'esperienza CAD gratificaste

Con un processore Xeon si ottiene potenza e affidabilità

Infatti anche , anche se in realtà il numero dei core dovrebbe dirci l’effettiva potenza del PC (i thread sono ottenuti “facendo fare due compiti” nello stesso tempo al processore), in realtàil numero dei thread è di solito un miglior indicatore delle prestazioni. Anche per questo motivo il processore Intel è preferibile a quello AMD, più economico, in genere, ma con consumi più elevati e minor potenza (e thread). Per intenderci, un processore AMD a 8 core recente (FX-8350 4 Ghz) potrebbe essere meno performante di un processore Intel a 4 core e 8 thread (). Nella data in cui scriviamo l’articolo, in compenso, il processore AMD costa 174 euro, consuma 125 Watt, e si può montare su una scheda madre che costa anche meno di 100 euro (prezzi da 40 a 190 eurio), mentre l’Intel costa e sarebbe meglio montarlo su schede da almeno 150 euro (prezzi da 40 a 500 euro)

Poi c’è il discorso sulla scheda grafica: mentre molti motori di render e anche i moduli per la visualizzazione a schermo dei CAD spesso utilizzano linguaggi di comunicazione con la scheda grafica compatibili sia con AMD che con NVidia, alcuni motori molto potenti per il render, fra cui IRAY, incluso in 3ds Max, si basano sui processori e il linguaggio CUDA, presente solo nelle shcede NVidia.

Le schede NVidia sono adeguate per il render con IRAY e altri motori. Per gli altri software dei corsi (AutoCAD, Revit, Inventor, ecc.) si può usare anche AMD

Schede grafiche potenti per IRAY e la visualizzazione

Importante anche considerare che le schede grafiche dei computer portatili sono per forza meno potenti, mediamente, di quelle dei pc fissi, per ovvi motivi di consumo (una gtx 760 arriva a consumare 300 Watt).

Riassumendo quindi:

  • Computer portatili: non adatti al CAD 3D spinto. Permettono di lavorare sul 2D agevolmente se ben attrezzati, e su 3D semplici, senza prestazioni elevate per render e filmati
  • Computer assemblati o di serie: difficile trovare un PC di serie che sia adatto a esigenze di uso CAD come Workstation evoluta, e se si trova costa in genere molto. Il vantaggio dei PC di serie è la garanzia e l’assistenza, dato che su computer assemblati indirizzati alle alte prestazioni possono succedere incionvenienti più facilmente che su computer “da ufficio”. Il PC assemblato però permette di utilizzare il meglio della tecnologia, e per questo noi lo consigliamo.
  • Processore: meglio Intel i7 o XEON almeno 4 core e 8 thread. Il meglio sono gli Intel XEON a sei o otto core.
  • Scheda video: non idonee quelle Intel o AMD integrate nel processore, si consiglia invece una scheda NVidia o AMD discreta (separata). Se lo scopo è il render, meglio una NVidia con alta banda passante, almeno 3Gb di memoria (meglio da 4 in su) e tanti CUDA core (dai 1000 in su). Ancor meglio, ovviamente, avere due schede. Le top di gamma attualmente sono le Titan di NVidia, ma ovviamente costano parecchio. Le schede Quadro sono certificate per molti CAD, ma questo non significa che abbiano prestazioni elevate. Guardate sempre la banda passante e il numero di CUDA stream per capire se una Quadro è davvero adatta: per esempio le vecchie Quadro non riescono a ottenere prestazioni, per esempio, della GTX 750, “fanalino di coda” delle GTX 7xx ( la GTX 750, costa solo 150 euro).
  • Disco rigido: se cerchiamo prestazioni elevate sarebbe consigliabile avere un SSD (disco a stato solido – senza parti meccaniche9, ma se abbiamo bisogno di capienza i dischi tradizionali sono più grandi. L’ideale è quindi avere entrambi: l’SSD su cui installare Windows e un Hard Disk meccanico tradizionale da 1Tb o più per i dati.
  • Scheda madre: di solito se si investe sulla scheda si hanno poi vantaggi di durata e affidabilità. Consiglierei una sheda che permetta di ospitare molta meoria (almeno 4 slot per la RAM) e che permetta di installare due schede grafiche con due connettori (o più) PCI Express 3.0 16x. Utilissima anche l’USB 3.0 per trasferire velocemente i dati a dischi esterni
  • Case: deve permettere il montaggio di schede video grandi (ATX o più grande, ma con attenzione proprio anche alla lunghezza massima della scheda video).
  • Alimentatore: dipende da quante schede video montate. Suggerirei comunque un alimentatore da 1000W per evitare sorprese.
  • CD/DVD/Blu ray: qualcuno li usa ancora? Se non lo usate può benissimo non essere incluso.

Per darvi un’idea abbiamo voluto giocare su due configurazioni: una buona per lavorare bene ma più economica, una molto ben attrezzata. Abbiamo provato a costruire un assemblato sul sito eprice. Non è probabilmente il sito internet che offre le migliori offerte, ma è uno dei più importanti e permette di effettuare il ritiro presso un pick & pay, evitando i soliti problemi di consegna e pellegrinaggi fra gli uffici postali o i corrieri, quindi abbiamo provato a creare lì il nostro PC ideale per il CAD, avanzato ma senza pretese eccessive – in realtà potete comprare una scheda grafica più potente o due di quelle indicate, potenziando l’alimentatore, ma non volevamo andare oltre i 2500 euro. Il case è uno sfizio, perchè è molto bello ma si potrebbe prendere qualcoisa di meno costoso..

CONFIGURAZIONE STAZIONE CAD BUONA (SENZA PRETESE ECCESSIVE) – 1085 euro in data 22/04/2014

A cui aggiungere il software (Windows 7 o Windows 8/8.1 e il CAD)

1x € 94,69 ASUS – Motherboard H87-PLUS socket LGA 1150 chipset Intel H87 ATX

1x € 134,99 KINGSTON – Memoria Dimm HyperX Blu 16 Gb (2x8Gb) ddr3 1600 Mhz CL10 ECC

1x € 279,99INTEL – Processore Core i7-4771 (Haswell) Quad-Core 3,50 Ghz GPU integrata HD 4600 Socket LGA 1150 (Dissipatore Incluso) + Coupon Gioco Rome II Total War in Omaggio

1x € 89,29 CORSAIR – Case Carbide 330R ATX E-ATX Micro ATX Mini ITX Nero

CONFIGURAZIONE STAZIONE CAD “BEN ATTREZZATA” – 2083 euro in data 22/04/2014

A cui aggiungere il software (Windows 7 o Windows 8/8.1 e il CAD)

1x € 106,99 ANTEC – Case Performance One P280

1x € 631,99 PALIT – GeForce GTX 780 Ti 3 GB GDDR5 Pci-E DVI-I DVI-D HDMI Display Port JetStream
4x € 147,56 KINGSTON – Memoria Dimm HyperX Fury 4 GB DDR3 1600 MHz CL10

1x € 282,99 ASUS – Motherboard SABERTOOTH X79 Socket LGA 2011 chipset Intel X79 ATX

1x € 182,99 COOLERMASTER – Alimentatore V Series 1000 Watt ATX 12V V2.3 Certificazione 80+ Gold

 

 

 

Nuove schede grafiche GTX 750 da NVIDIA e nuovi driver

Scritto da matteo.trasi On Febbraio - 25 - 2014
Una scheda grafica senza pretese per la tua stazione CAD - non per il professionista del render

La scheda NVIDIA GTX 750 costa poco, è piccola, consuma poco.

NVIDIA, fornitore privilegiato di schede grafiche per chi si occupa di 3D e Render con i software Autodesk, ha rilasciato una nuova versione dei driver In concomitanza con il debutto delle schede video GeForce GTX 750Ti e GTX 750. Il driver ha il codice 334.89 WHQL ed è già disponibile per il download (vi consigliamo sempre di aggiornare i driver appena possibile se usate i CAD Autodesk). Per scaricarli si può utilizzare come al solito l’apposita funzione dal pannello NVIDIA GeForce Experience, se installato, oppure si possono scaricare direttamente dal sito del produttore, tramite questi link:

 

Scheda decente per la tua stazioncina CAD dell'ufficio

La GTX 750Ti offre prestazioni decenti per il 3D di AutoCAD, Inventor e Revit

Per quanto riguarda le nuove schede di serie 750, si tratta di schede grafiche di fascia medio-bassa, ma che permettono di usare in modo accettabile i software grafici come AutoCAD, 3ds Max, Maya, Inventor e Revit. La presenza di 512 o 640 CUDA le rende anche adatte a generare senza spendere troppo dei render con IRAY, che sfrutta proprio la tecnologia CUDA per i calcoli. Certo, siamo ben lontani dalle prestazioni e dal numero di unità di calcolo delle schede professionali, ma bisogna considerare che stiamo parlando di schede che costano attualmente dai 100 ai 160 euro. Quindi un altro pianeta rispetto alle schede NVIDIA Titan utilizzate dai professionisti del render, che offrono memoria, velocità di calcolo e alta banda passante, ma costano anche dieci volte tanto.

Come al solito la serie Ti è più spinta (esiste anche la variante Ti OC – overclock, ancor più veloce) rispetto a quella “liscia”, la GTX 750. Una nota interessante sono i consumi e le conseguenti dimensioni: la sorellina minore ha davvero dimensioni contenute e consumi bassissimi, al punto che in genere è realizzata con una sola ventola di raffreddamento e quindi può essere ospitata anche da computer di dimensioni “da scrivania”. Questo la rende sicuramente interessante per chi lavora con il CAD senza pretendere prestazioni molto spinte nel 3D, come accade per molti utenti aziendali. La scheda 750Ti, invece, ha dimensioni maggiori, presenta in genere due ventole, ma ha comunque consumi bassi e dimensioni non esagerate. Insomma un compromesso interessante per una stazioncina CAD senza troppe pretese ma efficiente per il lavoro di tutti i giorni.

Se vuoi imparare a utilizzare al meglio le schede grafiche per il render, con IRAY, considera se seguire il nostro corso di 3ds Max base o avanzato o  uno degli altri corsi avanzati sul Render.

 

Eventi di luglio e agosto per imparare il CAD

Scritto da matteo.trasi On Giugno - 13 - 2013
corso autocad estate 2013 - autocad 2014: come usarlo?

I corsi di AutoCAD per imparare come usare il CAD non si fermano per l’estate

Anche per questa estate corsi-cad.it propone sempre nuove sessioni di corso e incontri per imparare AutoCAD. In particolare a giugno si conclude il corso serale (livello base) e il 24 giugno c’è un altro corso diurno per imparare da zero. Invece ad Agosto saremo in vacanza, ma non facciamo mancare il classico “ultimo corso” prima del meritato riposo. A partire dal 29 luglio e fino al 2 agosto è infatti previsto il corso base di AutoCAD per tutti coloro che in questo periodo sono un pochino più tranquilli e possono finalmente permettersi di seguire le lezioni per questa settimana pre-vacanziera.

Per chi invece vuole seguire corsi di AutoCAD 3D o avanzati, abbiamo rinnovato i nostri programmi, adeguandoli ad AutoCAD 2014 e lasciando più spazio al render (per il corso 3D). Il 24 giugno abbiamo quindi previsto un corso di AutoCAD 3D sulla versione 2014. Ormai per il corso avanzato, invece, dovrete pazientare fino a settembre.

Ci sono poi i soliti incontri interessantissimi per chi progetta case e edifici e deve imparare a usare Revit. Questo software Autodesk prende sempre più piede negli studi di architettura, quindi prima dell’estate abbiamo previsto un corso di Revit il 22 luglio, che si protrae per cinque giornate, fino al 26/7. Il corso serale si è appena concluso e vi sapremo dire sul nostro calendario quando partirà il prossimo serale.

Il corso di Revit spiega come fare per progettare con Revit e come usare al meglio Revit per lavorare produttivamente

Come si usa Revit? come fare per progettare? segui il nostro corso corsi-cad

Continuano poi i corsi per imparare a usare 3ds Max, entrando nel magico mondo della modellazione 3D e del render professionale,  i corsi per imparare Maya, e generare incredibili animazioni e personaggi, i corsi su AutoCAD MAP e AutoCAD Raster Design, per il GIS e la progettazione del territorio e molto ancora..

Per 3ds Max abbiamo previsto corsi base e avanzati: il primo di luglio parte il corso base e il 15 abbiamo un corso sulle animazioni in 3ds Max. Certo, il re delle animazioni è Maya, quindi non poteva mancare, l’8 luglio il corso di Maya base per la creazione di personaggi, che a settembre e ottobre sarà seguito dai corsi avanzati sul render e l’animazione avanzata, per creare con Maya film e filmati.

Insomma, come sempre, non ci fermiamo, malgrado la crisi. Soprattutto il corso di 3ds Max e il corso di Maya sembrano soffrire, a livello di iscrizioni, il momento economico non florido. Pochi iscritti, ultimamente, ma noi non ci arrendiamo e vogliamo vedervi sempre insieme al corso in un gruppo numeroso (ma non troppo), allegro, e con tanta voglia di imparare, insieme ai nostri docenti, e di creare, nel magico mondo del CAD!

Un tutorial per il vecchio AutoCAD 2008

Scritto da matteo.trasi On Aprile - 30 - 2013

Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function eregi() in /web/htdocs/www.corsi-cad.it/home/wp-content/plugins/stream-video-player/stream-video-player.php:169 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.corsi-cad.it/home/wp-content/plugins/stream-video-player/stream-video-player.php(184): rp_splayer->is_mobile() #1 /web/htdocs/www.corsi-cad.it/home/wp-content/plugins/stream-video-player/stream-video-player.php(799): rp_splayer->getHTML(false) #2 [internal function]: StreamVideo_Render(Array) #3 /web/htdocs/www.corsi-cad.it/home/wp-content/plugins/stream-video-player/stream-video-player.php(439): preg_replace_callback('/\\[stream ([^]]...', 'StreamVideo_Ren...', '<p>[stream base...') #4 /web/htdocs/www.corsi-cad.it/home/wp-content/plugins/stream-video-player/stream-video-player.php(379): StreamVideo_Parse('<p>[stream base...') #5 /web/htdocs/www.corsi-cad.it/home/wp-includes/class-wp-hook.php(286): StreamVideo_Parse_content('<p>[stream base...') #6 /web/htdocs/www.corsi-cad.it/home/wp-includes/plugin.php(208): WP_Hook->apply_ in /web/htdocs/www.corsi-cad.it/home/wp-content/plugins/stream-video-player/stream-video-player.php on line 169